Facebook Youtube Twitter
Home   »   Rassegna FNOMCeO: 27-28 g...

Rassegna FNOMCeO: 27-28 giugno 2014

DA 10 ORDINI MEDICI PROPOSTE PER CDA ENTE PREVIDENZA ENPAM
MILANO, 27 GIU - Tecnici nel consiglio di amministrazione (cda), riduzione dei componenti del cda e no all'entrata di altre professioni: sono queste alcune delle proposte che 10 ordini dei medici (Omceo), quelli di Ascoli Piceno, Bologna, Ferrara, Isernia, Latina, Milano, Piacenza, Potenza, Salerno, Trapani, lanciano in vista dell'approvazione del bilancio Enpam (l'ente di previdenza di medici e odontoiatri) a consuntivo 2013 e del rinnovo dello Statuto. In un documento i 10 Omceo precisano che ritengono ''inopportuno consentire l'entrata nella Fondazione Enpam di altre professioni, inutile aumentare il Consiglio Nazionale a quasi 180 componenti, mentre è necessario ridurre i componenti del cda dagli attuali 27 a 7 componenti per renderlo più agile e meno costoso''. E' inoltre ''indispensabile - continuano - prevedere in Statuto il compenso degli organi istituzionali, parificandolo a ciò che avviene nella Federazione degli ordini medici o ponendo un tetto con una drastica riduzione del compenso''. Nel nuovo Statuto devono inoltre essere previsti ''il meccanismo elettorale della preferenza unica, clausole di incompatibilità di incarichi e di cariche intra ed extra ente per gli amministratori e fissare dei paletti di assoluta sicurezza ai settori finanziari ove il cda può investire - prosegue il documento -. Dovendo Enpam erogare pensioni agli iscritti è necessario che il rendimento di un patrimonio che attualmente supera i 15 miliardi di euro sia consistente e garantito da prodotti finanziari sicuri ed affidabili''. Inoltre, la richiesta di una presenza di tecnici in cda, ''non è un ritorno al passato, ma parte dal presupposto che nessun medico può avere competenze sufficienti per gestire al meglio un patrimonio così rilevante - concludono gli Omceo - I tecnici devono poter essere revocabili in ogni tempo se le periodiche e frequenti verifiche sul loro operato dovessero evidenziare una non corrispondenza agli obiettivi loro assegnati''.


STATI GENERALI DOLORE, IN EUROPA PERSI 500 MLN GIORNI LAVORO
FIRENZE, 28 GIU - In Europa 500 milioni di giornate lavorative e 34 miliardi di euro persi, a causa di patologie algiche; sul fronte delle cure, in Italia il consumo di oppioidi forti cresce del 20%, con un livello attuale pari a circa 1,70 euro procapite. Sono alcuni dati emersi a Impact proactive 2014, gli 'Stati generali' del dolore in Italia, che ha visto la partecipazione di oltre 200 delegati provenienti da tutto il Paese e che si è chiuso oggi a Firenze. "Il dolore - ha sottolineato Hans Kress, presidente Efic European Pain Federation - è una patologia ancora sotto diagnosticata e sotto trattata, con rilevanti costi sociali ed economici: in Europa colpisce 1 cittadino adulto su 5 e fa perdere 500 milioni di giornate lavorative, l'equivalente di 34 miliardi di euro. Spesso sono anche gli esami inutili e le terapie inadeguate ad incidere sui sistemi sanitari. Siamo di fronte a un'epidemia invisibile: nelle rilevazioni statistiche il dolore come vera e propria malattia non esiste, ma si nasconde all'interno di altre diagnosi". A tale proposito, Efic - ha aggiunto Kress - sta collaborando con l'Oms per una nuova edizione dell'International Classification of Diseases e poter così attribuire alla patologia dolorosa un suo specifico codice. Gli esperti, riuniti in gruppi, nel corso dell'assise hanno definito le scelte da fare e i trattamenti da implementare come quelli da ridimensionare. Entro fine anno - riferisce una nota - saranno attuate azioni pilota per migliorare la pratica clinica quotidiana.


STAMINA:LEGALI VANNONI, AIFA CERCA CONDIZIONARE ESITO PENALE
'GRAVE CONTENUTO LETTERA PANI A FDA'
ROMA, 27 GIU - La lettera inviata dal direttore Aifa Pani all'Fda ''precede il corso della Giustizia Penale e sembra anticipare e sostituire il giudizio penale stesso, dandone per scontato l'esito ed addirittura cercando di condizionarlo, essendo la missiva rivolta anche agli inquirenti''. Lo affermano gli avvocati Pasquale Scrivo e Liborio Cataliotti, legali del presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, indicando la ''gravità del contenuto''.


STAMINA:AIFA ALLERTÒ FDA,'SPACCIO FALSI TRATTAMENTI
LETTERA PANI INVIATA A GENNAIO SU 'FALSI TRATTAMENTI'
ROMA, 27 GIU - Il direttore generale Aifa Luca Pani allertò l'Fda sul caso Stamina, avvertendo che l'"operazione" di "spaccio" di "fasulli trattamenti a base di staminali" era stata vietata da Aifa nel 2012 e che un comitato scientifico aveva fermato la sperimentazione nel 2013. Nella lettera di gennaio scorso, in possesso dell'ANSA, Pani avverte anche di un "possibile coinvolgimento di partner negli Stati Uniti" e del presunto ruolo di supporto a Stamina del prof.Camillo Ricordi dell'Università di Miami.


STAMINA: RICORDI, 'MAI PARTECIPATO A FANTOMATICI COMPLOTTI'
ROMA, 27 GIU - ''Non ho mai considerato la FDA un 'nemico numero 1' e anzi collaboro fin dal 1999 a diversi livelli con l'agenzia. Non ho mai partecipato a fantomatici complotti internazionali e non ho intenzione di riaprire questo dibattito che se proseguirà sarà portato avanti nelle appropriate sedi legali''. Così Camillo Riocordi, interpellato dall'ANSA, commenta la lettera inviata dal direttore dell'Aifa Luca Pani all'Fda in cui si sottolinea un suo presunto ruolo nel supportare l'operazione Stamina 'offshore'. ''Quanto avevo da dire su questa questione l'ho gia' detto lo scorso gennaio, prima dell'invio della lettera: e cioè che nel clima politico attuale - afferma Ricordi - non sono convinto che anche i più rigorosi dati scientifici generati dal nostro istituto possano contribuire a risolvere questo dibattito acceso. Quindi, la mia offerta di studiare il prodotto cellulare Stamina sarà posticipata fino a quando ulteriori evidenze emergenti dal processo di revisione dei pari migliorino il clima scientifico, consentendo a qualsiasi contributo accademico di essere di aiuto''.
a cura di Paola Tomassi

Articolo pubblicato in: FNOMCeO: rassegna ANSA

Via Ferdinando di Savoia 1 00196 ROMA    CF: 02340010582

Copyright 2012 FNOMCeO, tutti i diritti riservati.