Facebook Youtube Twitter
Home   »   Rassegna FNOMCeO: 23-24 l...

Rassegna FNOMCeO: 23-24 luglio 2014

SLOW MEDICINE, PER DEDICARE PIÙ TEMPO AI PAZIENTI
OBIETTIVI ASSOCIAZIONE ITALIANA SUL BRITISH MEDICAL JOURNAL
Dopo Slow Food, arriva 'Slow medicine', associazione italiana di medici, operatori sanitari e cittadini secondo cui 'fare di più non significa fare meglio' e che prende proprio spunto dalla associazione internazionale per la promozione dell'enogastronomia piacevole e lenta. Descrivono il progetto un gruppo di medici in una lettera pubblicata oggi sul British medical journal. "Il progetto - scrive Sandra Vernero, segretario generale dell'associazione - nasce con l'obiettivo di tutelare gli interessi dei pazienti attraverso un paternariato con gli operatori sanitari, non razionalizzando solo l'assistenza per ridurre i costi. I medici dedichino più tempo al colloquio con i pazienti perché solo con una medicina partecipativa si combatte quella difensiva che gli specialisti praticano sempre di più per prevenire denunce e affinché negli ospedali non si guardi solo al numero di visite ma anche alla qualità delle prestazioni".


STAMINA:DE BIASI,NECESSARIO RIVEDERE CURE COMPASSIONEVOLI
ROMA, 23 LUG - L'audizione del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in commissione Sanità ''ha messo in luce quanto sia indispensabile rivedere la legislazione sulle cosiddette 'cure compassionevoli'. Termine che non esiste nelle leggi italiane e che ha ingenerato ambiguità relative alla possibilità di somministrare a persone malate sostanze dalla composizione segreta in strutture sanitarie pubbliche''. Lo ha affermato la presidente della commissione, Emilia Grazia De Biasi. ''Sono convinta - ha rilevato De Biasi - che l'autonomia della Magistratura sia un valore della nostra democrazia. Cercheremo di approfondire nella prossima audizione del Ministro della Giustizia quali sono i motivi che hanno portato alcuni magistrati ad autorizzare la somministrazione di sostanze dalla composizione segreta, sulla cui sicurezza non vi è alcun parere scientifico''. Riferendosi quindi all'intervento in commissione del Garante della privacy, Antonello Soro, De Biasi ha sottolineato che la sua ''chiarezza ci aiuterà nel difficile percorso legislativo sulla tutela dei minori in relazione ai media e alla rete. La dignità dei minori, in particolare se ammalati, va preservata da strumentalizzazioni e dalla spettacolarizzazione del dolore alla quale - ha concluso - abbiamo assistito troppe volte in relazione al cosiddetto caso Stamina".


STAMINA:GARANTE PRIVACY,MEDIA HANNO CEDUTO A SENSAZIONALISMO
- ROMA, 23 LUG - Sul caso Stamina ''l'informazione ha più di una volta ceduto alla tentazione del sensazionalismo, sfruttando l'immagine di bambini malati''. Lo ha affermato il Garante della privacy, Antonello Soro, in audizione in commissione Sanità al Senato: ''E' stata violata - ha sottolineato - la dignità e il diritto del minore a non vedere esibita la propria infermità''. Tutto ciò, ha rilevato Soro, ''vale a maggior ragione per l'informazione online''.


SANITA': ANIA, OSPEDALI ITALIANI SEMPRE MENO 'ASSICURATI'
MINUCCI, SU TEMA MALPRACTICE SERVE CORAGGIO
ROMA, 24 LUG - Le assicurazioni italiane assicurano sempre meno i rischi di malpractice degli ospedali italiani. E' quanto emerge dal dossier Ania (Associazioni nazionale fra le imprese assicuratrici) "Malpractice, il grande caos", dedicato al fenomeno "sempre meno governato" della medical malpractice negli ospedali italiani e presentato oggi a Roma. "In Toscana, Liguria, Puglia, Basilicata - si legge - ed ora anche in Sicilia le compagnie sono uscite di scena, sostituite da forme di autoassicurazione o non assicurazione. Nelle altre regioni prevale un sistema misto in cui si ricorre ad una polizza soltanto per coprire i sinistri di importo maggiore". Secondo il report la stima dei premi nelle coperture assicurative degli ospedali è in diminuzione (nel 2012 -4,3%, a 288 milioni) anche se cresce quella totale del 3,6%. Nel 2012 sono stati denunciati 31.200 sinistri in leggero decremento (-0.8%) rispetto all'anno precedente ma il bilancio tecnico del ramo continua a evidenziare un significativo squilibrio (rapporto sinistri a premi pari al 122% nel 2012). "Il Governo deve avere il coraggio d'intervenire per contrastare il fenomeno dando certezze ai pazienti e ai medici di poter svolgere la loro attività" ha dichiarato il presidente Ania Aldo Minucci.


IMMIGRAZIONE: LORENZIN, 15MILA MIGRANTI ASSISTITI IN UN MESE
SI VALUTA PROLUNGAMENTO PARTECIPAZIONE A OPERAZIONE MARE NOSTRUM
ROMA, 24 LUG - Circa 15.000 migranti assistiti in 33 giorni: continua il controllo sanitario del Ministero della Salute nell'ambito dell'Operazione Mare Nostrum. Lo rende noto lo stesso dicastero, che ''sta valutando - si legge in una nota - l'opportunità di prolungare fino alla fine di ottobre la propria partecipazione all'Operazione, inizialmente programmata per il periodo 21 giugno-31 agosto 2014''. Dal 21 giugno 2014, data dell'avvio della collaborazione con la Marina Militare nell'ambito dell'Operazione, sottolinea il ministero, i dirigenti medici degli Uffici centrali e periferici del Ministero della Salute hanno partecipato alle attività di controllo sanitario su circa 15.000 migranti, recuperati in mare aperto dalle navi della Marina Militare o da altre navi mercantili in navigazione nel Mediterraneo e successivamente sbarcati in porti siciliani e calabresi, mentre continuano le ordinarie attività di vigilanza sanitaria transfrontaliera messe in atto dagli Uffici di Sanità Marittima del Ministero in caso di arrivi di barconi direttamente sulle coste italiane.
Ordinariamente, i medici del Ministero della Salute che partecipano all'Operazione Mare Nostrum sono presenti su tre navi a rotazione della Marina Militare, con turni della durata di una settimana circa. Alla data del 24 luglio 2014, 12 medici del Ministero si sono già imbarcati sulle navi militari effettuando anche, in situazioni di emergenza, trasbordi su altre unità sia della stessa Marina Militare che della Guardia Costiera. A seconda dell'itinerario seguito dalle navi, i punti di imbarco e sbarco dei medici del Ministero sono solitamente Augusta, Catania, Lampedusa, Pozzallo, Taranto, ovvero le località maggiormente interessate dai flussi migratori irregolari, oppure i porti militari in cui è possibile effettuare sbarchi in sicurezza.


ISS: RICCIARDI, IN 10 ANNI ABBIAMO PERSO 30% RISORSE
L'ISTITUTO HA RETTO, MA A FATICA. E' STRATEGICO PER IL PAESE
ROMA, 24 LUG - "Negli ultimi dieci anni l'Istituto ha visto un decremento dei finanziamenti del 30% dei finanziamenti. Tuttavia ha retto". Lo ha dichiarato il commissario straordinario dell'Istituto superiore di sanità (ISS), Gualtiero Walter Ricciardi, ascoltato oggi in Commissione Affari sociali alla Camera, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla riforma dell'Iss, di Agenas (Agenzia per i servizi sanitariregionali) e di Aifa (Agenzia regolatoria del farmaco). Nonostante "la missione dell'Iss" sia "strategica per il Paese", ha spiegato ai deputati, "se l'Italia ha perso il 10% del Pil negli ultimi dieci anni, per l'Istituto superiore di sanità parliamo di un depauperamento tre volte tanto". "Ad esempio - ha sottolineato a margine dell'incontro - il centro per il Monitoraggio delle Sostanze chimiche ha visto un dimezzamento dei fondi, da un milione di euro a 500.000. Va comunque dato atto all'Iss di aver retto botta. Ma lo ha fatto con grande fatica". Rispetto a questa situazione, in cui il 96% dei finanziamenti sono pubblici, ha aggiunto, o se ne chiedono di ulteriori, "ma la vedo difficile", o ci attrezziamo "per finanziarci da soli col lavoro che facciamo". "Mi auguro che il commissariamento sia quanto più breve possibile", ha quindi auspicato rispetto al suo incarico, che è previsto essere della durata di sei mesi di tempo.


ISS: RICCIARDI, IN GRADO DI PAGARE STIPENDI PER 2014
DEL FAVERO, NON SIAMO IN DEFAULT. SERVE AMMODERNARE STRUTTURE
ROMA, 24 LUG - "E' la prima volta che l'Istituto viene commissariato, quindi chiaramente c'era un po' di ansia da parte delle organizzazioni sindacali", "ma siamo in grado di pagare gli stipendi per tutto il 2014 e dobbiamo lavorare perché questo vada al dilà dei sei mesi ma sia stabile nel tempo". A rassicurare i dipendenti dell'Istituto Superiore di sanità, intervenendo a margine dell'audizione in Commissione Affari Sociali della Camera, è stato oggi, Walter Ricciardi, da poco nominato commissario dell'istituto stesso, a seguito dei due anni consecutivi di deficit di bilancio registrati. "Abbiamo trovato un grande patrimonio di donne e uomini, fortemente penalizzato dal decremento di risorse. Su 2000, 600 hanno contratti a progetto o a tempo determinato", ha dichiarato ai deputati, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sul ruolo e sull'assetto organizzativo dell'ISS, dell'Agenzia italiana del farmaco (AIFA) e dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Age.NA.S.). "Se ci sono elementi correttivi da fare sull'organizzazione, lo faremo" ma "non vogliamo ottenere economia di gestione a scapito del buon lavoro", ha aggiunto. "L'Istituto non è in situazione di default, ma di commissariamento. E' quindi perfettamente in grado di pagare regolarmente gli stipendi", ha confermato in audizione il direttore generale dell'Iss, Angelo Del Favero, ricordando che l'Istituto è interessato da un riordino, fermo dal 2010 perché subordinato all'approvazione del nuovo Statuto, "che già contiene linee di ammodernamento dell'ente che consentiranno un utilizzo ottimale delle finanze". Molti i cambiamenti in vista anche dal punto di vista della struttura e dei macchinari. "Abbiamo 45.000 mq di superficie utilizzata, pensata per 700-800 persone, mentre oggi ci lavorano in 2200", ha spiegato Del Favero. "Va ripensata anche logistica e sicurezza. Perché l'obsolescenza di impianti comporta maggiori costi di manutenzione"..
a cura di Paola Tomassi

Articolo pubblicato in: FNOMCeO: rassegna ANSA

Via Ferdinando di Savoia 1 00196 ROMA    CF: 02340010582

Copyright 2012 FNOMCeO, tutti i diritti riservati.