• Home
  • Articoli slide
  • Anelli (FNOMCeO) su delibera CNF: “Medici e avvocati custodi dei diritti, bene forte voce di censura per chi viola i principi etici”

Anelli (FNOMCeO) su delibera CNF: “Medici e avvocati custodi dei diritti, bene forte voce di censura per chi viola i principi etici”

“Apprezziamo la forte voce di censura e condanna che si è alzata ieri dal Consiglio nazionale forense, verso gli iscritti che violano principi etici dell’avvocatura, speculando sul dolore altrui in questo momento così delicato per l’intero paese”.

Così il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO), Filippo Anelli, commenta la notizia, diffusa ieri dal Consiglio nazionale forense – l’istituzione di rappresentanza dell’intera avvocatura italiana – dell’approvazione, in seduta straordinaria, di una delibera volta a stigmatizzare le iniziative, “per fortuna limitate e marginali”, di alcuni avvocati e studi legali che offrono prestazioni volte a incoraggiare azioni giudiziarie nei confronti dei medici e dei professionisti sanitari “impegnati in prima linea sul fronte dell’emergenza Covid-19 per tutelare e salvare la vita ai tanti cittadini coinvolti, anche a costo di mettere in pericolo la propria e quella dei loro familiari”.

“Il Consiglio nazionale forense – si legge infatti nella nota inviata alla fine della riunione – assicura alla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri l’attenta e forte vigilanza di tutte le istituzioni forensi nell’individuare e sanzionare i comportamenti di quei pochi avvocati che intendono speculare sul dolore e le difficoltà altrui, nel difficile momento che vive il nostro Paese”

“La delibera, assunta oggi dal plenum del Cnf in seguito alla segnalazione pervenuta nei giorni scorsi dalla FNOMCeO – si legge ancora nel comunicato – censura e condanna con forza e convinzione ogni comportamento che in qualsiasi forma e modo integri grave violazione di principi etici condivisi, principi etici che informano e non possono non informare la professione di avvocato”.

“Comportamenti di alcuni iscritti – specifica ancora il Consiglio nazionale forense – che minano così anche l’immagine dell’avvocatura tutta, che invece, anche e soprattutto in queste circostanze, ancora una volta, sta dimostrando piena consapevolezza del ruolo sociale a cui è chiamata e a cui non intende sottrarsi”.

Il Consiglio nazionale forense esprime poi “in maniera forte e incondizionata la propria gratitudine a tutti i medici, ai professionisti sanitari e ai tanti volontari quotidianamente impegnati nella cura e nell’assistenza dei cittadini colpiti dal contagio e la propria vicinanza a tutti i dottori, operatori, volontari, che sono stati contagiati dal Covid-19 nell’esercizio della loro opera di cura”.

“Infine – conclude la nota – la massima istituzione forense, la cui presidente Maria Masi è da giorni in contatto con il vertice dell’Ordine dei medici Filippo Anelli, esprime profonda solidarietà alla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, impegnata a sua volta in questo difficile momento a tutelare l’immagine e il ruolo dei suoi iscritti, reclutati e offerti per il bene e la salute dell’intera comunità, e a cui si stringe in un rinnovato patto di collaborazione e alleanza”.

“Le nostre professioni poggiano su una base valoriale contigua e comune – commenta ancora il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli -. Siamo lieti di questo riscontro ricevuto dalla maggior istituzione esponenziale dell’avvocatura, e che si aggiunge e compendia le tante analoghe dimostrazioni provenienti dai Consigli provinciali e dalle Unioni regionali degli Ordini degli avvocati, dimostrando, senza ombra di dubbio, quella vocazione e quel ruolo di garanti dei diritti che investono le Professioni del Medico e dell’Avvocato”.

 

Ufficio Stampa e Informazione FNOMCeO
informazione@fnomceo.it
www.fnomceo.it
02/04/2020

Autore: Ufficio Stampa FNOMCeO

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582