Comunicazione del presidente Anelli agli Ordini Provinciali sui colleghi in pensione

Riportiamo la comunicazione n. 90 inviata dalla Federazione Nazionale agli Ordini Provinciali, in cui il presidente Anelli invita al sostegno delle istanze dei colleghi medici odontoiatri pensionati:


Cari Presidenti,
tengo a sollecitare la Vostra attenzione sulla necessità, nell’ambito della funzione istituzionale ordinistica che ciascuno di noi è chiamato a svolgere, a livello nazionale come a livello locale, di offrire la massima collaborazione alle istanze che provengono dai colleghi medici e odontoiatri pensionati.

Alcuni di questi colleghi continuano a mantenere l’iscrizione agli albi, nell’ottica, più che condivisibile, di continuare a fare parte della comunità professionale ordinistica che è elemento peculiare del percorso professionale di ciascuno di noi, sia in regime di attività che di quiescenza.

Il contesto in cui si muove la sanità oggi non è semplice, caratterizzato come è, da un lato da dinamiche di riduzione di risorse economiche e dall’altro da tensioni e progetti di nuove impostazioni del sistema spesso non rispondenti alle reali esigenze del cittadino-paziente e degli operatori sanitari.

Di queste difficoltà, spesso, a farne le spese sono settori della società con minore forza “contrattuale” ovvero categorie sociali, quali i pensionati, che seppure, come nel nostro caso provenienti da Professioni tradizionalmente ad alta valenza sociale hanno, in primis, la difficoltà di veder riconosciuto il loro ruolo attuale e soprattutto di vedere prese nella debita considerazione le rispettive istanze.

L’amico Michele Poerio, Presidente della FEDERSPEV, in un recente incontro mi ha evidenziato come il blocco della perequazione prorogato più volte negli ultimi 11 anni, i contributi di solidarietà reiterati a carico dei pensionati siano emblematici di come questi ultimi svolgano concretamente nel nostro Paese, da utile ammortizzatore sociale. È pure evidente però che sia necessario ristabilire equità, giustizia sociale e tutele riguardo a soggetti e situazioni che per un’ovvia legge di natura riguardano o verranno a riguardare tutti noi.

In buona sostanza sembra importante che gli OMCeO offrano, nel rispetto di tempi e possibilità, adeguata attenzione alle istanze proposte, concreta disponibilità a collaborare attraverso gli strumenti e i canali mediatici e informatici disponibili ai colleghi in quiescenza.
Nella certezza di poter contare sulla Vostra collaborazione invio i più cordiali saluti

Filippo Anelli

Autore: Redazione

Documenti allegati:

© 2018 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582