Corte di Cassazione Ord. 13-10-2021, n. 27947 – Chirurgia estetica

La Suprema Corte ha affermato che le operazioni di chirurgia estetica ed i trattamenti estetici, nei limiti in cui abbiano lo scopo di trattare o curare persone che, a seguito di una malattia, di un trauma oppure di un handicap fisico congenito, abbiamo bisogno di un intervento di natura estetica, potrebbero rientrare nelle nozioni di cure o prestazioni mediche (alla persona), ai sensi, rispettivamente, della Dir. n. 2006/112/CE, art. 132, paragrafo 1, lett. b) e c), al contrario, se l’intervento risponde a scopi puramente cosmetici, non rientra in tali nozioni. Pertanto, l’onere di provare la destinazione dei trattamenti di chirurgia estetica alla diagnosi, alla cura o alla guarigione di malattie o problemi di salute o alla tutela, al mantenimento ed al ristabilimento della salute delle persone, ai fini dell’esenzione da IVA, spetta al sanitario che esegue le relative prestazioni.

Autore: Chiara di Lorenzo - Ufficio Legislativo FNOMCeO

Documenti allegati:

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582