Corte di Cassazione sentenza n. 28174/2021 – Esercizio abusivo della professione

La Suprema Corte ha affermato che in considerazione del fatto che nell’attività medica devono includersi anche quelle operazioni che non hanno come obiettivo primario la diagnosi e la cura di una patologia ma che mirano all’eliminazione di un inestetismo per il tramite di tecniche chirurgiche o da eseguirsi in anestesia, ai fini della configurabilità del reato di abusivo esercizio della professione medico-chirurgica, non assume alcun rilievo il carattere non convenzionale e sperimentale del tipo di trattamento terapeutico praticato, se questo presenti caratteristiche di invasività e incidenza sull’organismo del paziente i cui effetti possono essere valutati solo da professionisti muniti di apposita abilitazione.

Autore: Chiara di Lorenzo - Ufficio Legislativo FNOMCeO

Documenti allegati:

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582