Foad Aodi (AMSI): “Medici e infermieri stranieri cercasi”

Foad Aodi, presidente di AMSI (Associazione Medici Stranieri in Italia) ha rilasciato dichiarazioni all’Ansa in merito alle richieste di medici stranieri che sono pervenute nell’ultimo anno dal settore pubblico e da quello privato.

Le richieste di personale sanitario sono state circa 6mila, di cui 3mila di medici. Il numero più consistente di queste richieste proviene dal Veneto.

“Ogni richiesta avanzata comprende offerte di impiego per 1 fino a 35 professionisti della sanità di origine straniera in Italia, tra medici, infermieri e fisioterapisti” spiega Foad Aodi. “Nella maggioranza dei casi si tratta di contratti per Libero professionista e contratti a tempo determinato sia nel privato sia nel pubblico, con retribuzione da stipendio sindacale, ma in vari casi inferiore nel settore privato”.

Il presidente dell’AMSI, infatti, denuncia anche che “circa 70 medici si sono rivolti all’Amsi dal gennaio 2019 segnalando situazioni di lavoro sottopagato”, a volte fino a 7 euro l’ora; una situazione che riguarda anche gli infermieri la cui paga oraria al ribasso può arrivare fino a 5 euro.

“Tra le motivazioni addotte dalle strutture private” sottolinea Aodi “c’è la situazione di crisi per cui le strutture affermano di non poter corrispondere una paga come da contratto sindacale. “Ma tante volte si adducono anche giustificazioni assurde chiamando in causa il tema delle ‘guerre tra poveri’ tra colleghi italiani e di origine straniera.”

Le interviste integrali sono disponibili qui e qui.

 

Autore: Redazione

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582