Interrogazione parlamentare On. Rostan – Formazione medica specialistica

Interrogazione parlamentare On. Rostan – Formazione medica specialistica – Nella interrogazione si rileva che la formazione di un medico specialista passa attraverso due fasi: la prima è la laurea magistrale; la seconda è la specializzazione; dopo la prima fase, con la laurea magistrale, si ottiene solo un giovane medico non specialista, mentre per ottenere il profilo che manca negli ospedali italiani occorre completare una specializzazione;   l’Italia, in questo momento, conta oltre 20 mila medici neolaureati che vorrebbero entrare in specializzazione; sono a disposizione, però, solo 8 mila posti;   dopo anni di studi per conseguire la laurea solo 1 medico su 3 ha la possibilità di continuare la carriera post-laurea; ad oltre 12.000 medici è negata questa opportunità; alcuni di questi emigrano, altri restano sospesi in un limbo;   ogni anno questo surplus si somma a quello dell’anno precedente, creando quello che è stato definito imbuto formativo;   secondo la Federazione italiana dei medici e odontoiatri, i medici inattivi sono 25 mila: sono tutti quelli laureati e abilitati e che potrebbero entrare nella specializzazione;   il 2 luglio 2019 si sono tenute le prove scritte, a livello nazionale, per l’accesso alle scuole di specializzazione e vi hanno partecipato 18.773 candidati;   il Paese ha bisogno di medici dal momento che il blocco del turn over e i pensionamenti porteranno ad avere entro il 2025 una carenza di ben 16.500 medici nel sistema sanitario nazionale; entro il 2025 il sistema ospedaliero pubblico italiano avrà bisogno di almeno 4 mila medici in urgenza, 3 mila in pediatria, circa 2 mila in medicina interna e, anestesia, oltre mille in chirurgia generale e tante altre figure;   appare del tutto evidente che i posti programmati per la formazione nella specializzazione siano, insufficienti rispetto al numero di laureati;   la soluzione non appare, quindi, quella di aumentare i posti per l’accesso agli studi universitari, ma di incrementare il numero di borse di specializzazione, investendo più risorse –:   quali iniziative di competenza intenda adottare il Governo per determinare un aumento delle borse di specializzazione per i medici e superare quell’imbuto formativo che determina, da una parte, un disagio per i medici neolaureati e, dall’altra, un rischio per il sistema sanitario nazionale.

Autore: Marcello Fontana - Ufficio Legislativo FNOMCeO

Documenti allegati:

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582