Normativa vigente sui criteri sui titoli in possesso di medici operanti nelle strutture private convenzionate

Interrogazione a risposta in Commissione – Normativa attualmente vigente in tema di criteri relativi ai titoli in possesso di medici operanti nelle strutture private convenzionate. Nell’interrogazione si rileva che partendo dal presupposto dell’equiparazione tra strutture pubbliche e private convenzionate con il servizio sanitario nazionale, si sono verificati casi di adozione di provvedimenti di sospensione nei confronti di professionisti – anche con carriere professionali più che decennali – poiché essendosi costoro laureati in medicina e chirurgia e abilitati all’esercizio della professione in epoca antecedente al 1997 – anno in cui veniva istituito l’obbligo della specializzazione – sono stati ritenuti inidonei alla prosecuzione della propria attività presso le case di cura a causa della mancanza del suddetto titolo di specializzazione. L’interrogante sottolinea che desta dunque preoccupazione la situazione di tutti quei professionisti che essendosi laureati in medicina e chirurgia e abilitati all’esercizio della professione in epoca antecedente all’obbligo della specializzazione rischiano oggi di essere discriminati nei propri diritti rispetto ai medici specializzati, pur avendo nel frattempo esercitato la professione con modalità di tipo libero professionale presso case di cura private accreditate con il servizio sanitario nazionale, per un periodo non inferiore alla durata di un corso di specializzazione, ovvero qualora, per una durata di tempo equivalente, abbiano effettuato un percorso di formazione a titolo di volontariato in una qualsiasi struttura sanitaria. Si chiede quali iniziative il Ministro intenda adottare al fine di risolvere questa annosa questione che ormai si trascina da anni.

Autore: Marcello Fontana - Ufficio Legislativo FNOMCeO

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582