• Home
  • Articoli in evidenza
  • Omceo Caserta. Biologia con curvatura biomedica, al via il percorso di orientamento sanitario promosso dal Miur e dalla FNOMCeO

Omceo Caserta. Biologia con curvatura biomedica, al via il percorso di orientamento sanitario promosso dal Miur e dalla FNOMCeO

Sono 27 i licei scientifici d’Italia che dall’anno in corso attueranno il Progetto nazionale sperimentale «Percorso di orientamento-potenziamento biologia con curvatura biomedica». Il progetto nasce dalla collaborazione fra Miur e FNOMCeO, la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici, dei Chirurghi e degli Odontoiatri. In provincia di Caserta è stato individuato il liceo scientifico Armando Diaz che con l’Ordine provinciale dei medici – chirurghi e degli odontoiatri di Caserta, di cui è presidente la dottoressa Maria Erminia Bottiglieri, ha stipulato una convenzione, dando così inizio al percorso di lavoro che vede coinvolti 84 studenti divisi in tre classi. Giovedì pomeriggio si è tenuto il primo incontro presso la sede dell’Istituto.

Responsabili del progetto Carlo Manzi e Agostino Greco, rispettivamente vicepresidente e segretario dell’Ordine dei Medici, per il Diaz la professoressa Luisa Papa. I corsi della prima giornata sono stati tenuti dai dottori Pietro Farro, Giustino de Sire, Enzo Battarra e Sonja Ferraiolo. A occuparsi della didattica anche le docenti Carmela Del Gaudio, Loredana Esposito e Anna Seneca.

La presidente Maria Erminia Bottiglieri spiega: «Il percorso ha un duplice obiettivo: orientamento e potenziamento. Durante il corso, infatti, da un lato, si valutano le attitudini e le motivazioni dei nostri giovani verso le professioni di area medica e, dall’altro, li si prepara ai test di accesso. Il dato positivo è che molti studenti (il 28,6%) dopo il primo anno hanno abbandonato il percorso perché hanno capito che non erano predisposti a questo tipo di attività, mentre quelli che lo hanno completato sono riusciti a entrare nelle facoltà sanitarie in discreta percentuale. Ciò che si deve chiarire è che la finalità non è la preparazione ai test di accesso come molti credono, perché le aspettative non sono queste e infatti gli argomenti trattati non sono quelli presenti nei quiz di accesso. L’obiettivo futuro è quello di trasformare questo progetto sperimentale in un percorso stabile, parte integrante del percorso scolastico biomedico».

Il preside Luigi Suppa sottolinea: «Oggi, dopo un mese di attività di formazione relativa al percorso di preparazione alle professioni mediche, sono soddisfatto nel registrare l’interesse e la motivazione dei nostri alunni che hanno potuto avere al Diaz questa preziosa opportunità. Essere un liceo polo di una sperimentazione di tale portata è un impegno, ma è coerente con ciò che da anni stiamo realizzando al Diaz nell’educazione scientifica. Si chiude un mese di ottobre interamente dedicato alla scienza, un tessuto didattico-educativo in cui si inserisce questo progetto di formazione che considero il fiore all’occhiello della nostra offerta formativa. La sinergia con il Miur e con l’Ordine dei medici nazionale e, soprattutto, con la presidente Bottiglieri ha fatto sì che il  liceo Diaz si attestasse, ancora una volta, come liceo della scienza, della didattica scientifica. E di ciò non posso che essere orgoglioso e rafforzare il mio impegno per i nostri ragazzi».

La presidente Bottiglieri poi aggiunge: «Il percorso sperimentale  riproduce il modello adottato già da anni presso il liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria, che è capofila del progetto. La sperimentazione è indirizzata agli studenti delle classi terze, ha una durata triennale (per un totale di centocinquanta ore), con un monte ore annuale di cinquanta ore: venti tenute dai docenti di scienze, altre venti dai medici indicati dagli Ordini provinciali, dieci “sul campo”, presso strutture sanitarie, ospedali, laboratori di analisi  individuati dagli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Provinciali. Con cadenza bimestrale, è prevista la somministrazione di test a risposta multipla, per verificare le competenze acquisite, ma anche per prepararsi ai futuri test di accesso».

Autore: Redazione

© 2018 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582