Presentazione del progetto “Cultura è Salute”

Non è certo acquisizione recente che la medicina abbia una fondamentale componente umanistica. Tuttavia, è diffusa percezione che i progressi tecnologici e scientifici degli ultimi decenni abbiano spinto la dimensione umanistica della professione medica in secondo piano e a questo ha reagito un composito movimento culturale e professionale internazionale, che ha assunto la forma della medicina narrativa e delle medical humanities. Con questo ultimo termine si intende l’insieme delle discipline umanistiche (storia, filosofia, etica, psicologia, sociologia, antropologia) nonché quelle attività formative, di cura e auto-cura che si basano sulle arti e su altri prodotti e attività culturali. È riconosciuto infatti che le arti siano un indiscutibile valore aggiunto nella formazione del medico, nei processi di cura e riabilitazione, per il benessere della persona.

Date queste premesse, il progetto “Cultura è Salute” si è posto l’obiettivo di costruire una rete nazionale tra tutte le realtà che integrano cultura e salute affiancando strumenti artistici e culturali ai più moderni trattamenti, migliorando così la vita delle persone che vivono la malattia o la disabilità e degli stessi professionisti, medici e delle altre professioni sanitarie.

Ha preso l’iniziativa, circa tre anni fa, l’Associazione Club Medici, che ha avviato da tempo un percorso che l’ha vista coinvolta in attività di promozione e diffusione del libro e della lettura in azienda, negli ospedali, sul territorio, nonché nell’educazione continua in medicina, introducendo proposte formative in cui le discipline umanistiche si intrecciano a quelle scientifiche. L’Associazione ha messo gratuitamente a disposizione del network un portale web (www.culturaesalute.it) al quale ad oggi sono registrate già 59 associazioni e 10 istituti di cura e aziende sanitarie. Il portale è luogo di conoscenza reciproca delle esperienze, per valorizzarne la presenza all’interno dei luoghi di cura. L’adesione delle associazioni e le attività del network sono indirizzate e controllate da un comitato scientifico.

Dal portale di Cultura è Salute è anche possibile accedere al Punto Biblio Digital, che permette gratuitamente a tutte le strutture sanitarie che lo richiedano, di offrire ai propri pazienti e loro familiari la biblioteca digitale di Club Medici che consente la lettura di quotidiani italiani e stranieri (oltre 7000 testate), magazine, audiolibri, musica, ebook. Inoltre, all’interno del progetto, trovano uno spazio importante le iniziative dedicate alla formazione e all’aggiornamento dei professionisti della cura. I corsi ECM proposti dall’Associazione sono caratterizzati dall’uso delle discipline artistiche come mediatori di conoscenza, per fornire ai medici competenze trasversali, che aiutino a far dialogare due mondi che sono poco abituati a farlo: quello delle arti e della cultura con quello della salute e del benessere. Completa il portale una sezione News, con gli aggiornamenti e i link alle iniziative in programma o già svolte.

Il progetto è ambizioso: Cultura è Salute vuole contribuire ad estendere il concetto di cura, perché risponda più profondamente ai bisogni del paziente e perché le pratiche artistiche e culturali trovino la giusta accoglienza in un pensiero più ampio e articolato del concetto di cura.

Fabrizio Consorti
Dip. di Scienze Chirurgiche – Univ. Sapienza di Roma
Presidente del Comitato scientifico del network “Cultura è salute”

Autore: Redazione

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582