• Home
  • Articoli in evidenza
  • SIMTI: rivista “Blood transfusion” al secondo posto tra le riviste di medicina trasfusionale più autorevoli al mondo

SIMTI: rivista “Blood transfusion” al secondo posto tra le riviste di medicina trasfusionale più autorevoli al mondo

Blood Transfusion la rivista della Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia (SIMTI), organo ufficiale oltre che di SIMTI anche dell’Associazione Italiana dei Centri Emofilia (AICE), della Società croata Hrvatsko Društvo za Transfuzijsku Medicinu (HDTM), della Società spagnola Sociedad Española de Transfusión Sanguínea y Terapia Celular (SETS) e della Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e della Trombosi (SISET), ha ottenuto un “impact factor 2018” di 3.352, risultato che la pone al secondo posto tra le riviste di medicina trasfusionale più autorevoli al mondo. Nell’editoria scientifica l’impact factor (JCR, Clarivate Analytics) è un indicatore che misura il numero delle citazioni ricevute in un particolare anno degli articoli pubblicati nei numeri della rivista dei due anni precedenti.

Altro risultato ottenuto, estremamente importante (Scimago Journal Rank), è il passaggio della rivista dal quarto al secondo quartile in ematologia e immunoematologia e dal quarto al primo quartile in medicina (miscellaneous).

Si è raggiunta una visibilità a livello internazionale della rivista e della Società stessa, presente in tutti i principali database scientifici e in quelli delle principali università mondiali.

Questi riconoscimenti arrivano dopo anni di duro lavoro. Fin dall’inizio, il Comitato Editoriale ha scelto di adottare criteri di selezione estremamente rigorosi per lavorare in un’arena internazionale con i più alti standard culturali e scientifici.

Negli ultimi 10 anni (2008-2018) Blood Transfusion ha pubblicato 1.130 lavori, il tasso di accettazione dei lavori è passato dal 79% del 2008 al 20,3% del 2018 mentre è aumentato notevolmente il numero delle citazioni: da 10 nel 2008 a 1799 nel 2018 (dati Web of Science).

In questi anni, i componenti del comitato editoriale e del comitato editoriale internazionale hanno generosamente messo a disposizione le loro competenze, il loro tempo e il loro entusiasmo. SIMTI ha creduto in questo progetto dedicandogli preziose risorse, ritenendo che i lavori che riportano i risultati della ricerca dovrebbero essere apertamente accessibili e liberamente utilizzabili da tutta la comunità scientifica; per questo motivo, non è stato richiesto alcun contributo economico agli autori per l’invio, la gestione o la pubblicazione dei lavori e la rivista è consultabile liberamente online.

Per Pierluigi Berti, presidente di SIMTI, “è un successo di tutta la medicina trasfusionale italiana. È l’oggettivo riconoscimento a livello internazionale del lavoro svolto da SIMTI in ambito scientifico”.

Segreteria Nazionale SIMTI

Autore: Redazione

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582