• Home
  • Articoli slide
  • Stati generali della Professione medica: un momento storico. Conferenza Stampa di presentazione giovedì 20 dicembre

Stati generali della Professione medica: un momento storico. Conferenza Stampa di presentazione giovedì 20 dicembre

FNOMCeO
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici
Chirurghi e degli Odontoiatri

Stati generali della Professione medica: un momento storico

Conferenza Stampa di presentazione giovedì 20 dicembre alle 12, sede Fnomceo Via Ferdinando di Savoia 1 Roma 

Saranno sei le macroaree, ossia le grandi tematiche intorno alle quali si svilupperà, il prossimo anno, il dibattito che porterà, a conclusione degli Stati Generali della Professione Medica, a scrivere la ‘Magna Carta’ del medico  e della Medicina:

  • I cambiamenti e le crisi
  • Il medico e la società
  • Il medico e l’economia
  • Il medico e la scienza. Clinica e cultura
  • Il medico e il lavoro
  • La medicina, il medico e il futuro. Una nuova definizione di medicina

Gli Stati Generali saranno presentati ufficialmente alla Stampa giovedì 20 dicembre alle 12 presso la Sede della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), in Via Ferdinando di Savoia 1. I colleghi giornalisti che desiderano partecipare sono pregati di accreditarsi presso l’Ufficio Stampa Fnomceo.

 “Nella nostra storia recente nessuna discussione sulla professione, sui suoi fondamenti, sulla sua identità e sul suo ruolo è stata mai affrontata su scala nazionale, con lo scopo di definire una Magna Carta” della professione – spiega il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli -. Infatti, nel corso del 900, la professione si è sviluppata insieme ad un poderoso progresso scientifico e all’affermarsi di sistemi di welfare pubblico, diventando, nello stesso tempo, lo strumento di un nuovo progresso scientifico e l’espressione di un’avanzata politica dei diritti”.

“Sul finire di questo secolo – continua – la professione ha iniziato a subire condizionamenti tra cui quelli di tipo economico e socio-culturali, resi più accentuati dagli effetti della grande crisi economica e dalla rivendicazione di una maggiore partecipazione alle scelte in sanità da parte del cittadino, nonché dalla contestuale presa di coscienza dei propri diritti”.

“La discussione che ci accingiamo a fare è da considerarsi un evento storico perché la crisi in cui versa la professione ha caratteristiche tali da non avere precedenti – aggiunge ancora Anelli – Il rapporto tra medicina e medico è così stretto, così decisivo, che non è plausibile pensare alla crisi della professione senza pensare, nello stesso tempo, ad una eventuale crisi della medicina”.

“Il nostro obiettivo politico è superare la crisi professionale e mettere in sicurezza deontologica la professione, guardando al futuro – conclude – Perciò, è importante discutere e, nel rispetto delle proprie legittime convinzioni, contribuire a definire il nuovo ruolo della professione medica nella nostra “Magna Carta”. Questo è il significato degli Stati Generali che vorrei fosse colto”.

Ufficio Stampa Fnomceo
informazione@fnomceo.it
13/12/2018 

Autore: Redazione

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582