“Una bufala ci seppellirà?”, ecco il video della conferenza stampa

Il 10 maggio è stata presentata a Roma la campagna “Una bufala ci seppellirà?” promossa dalla Fnomceo e finalizzata a combattere il fenomeno della diffusione delle fake news sulla salute tramite la rete, un fenomeno preoccupante e in crescita, che mette a repentaglio la salute dei cittadini. Secondo i dati Censis, nell’ultimo anno 8,8 milioni di italiani si sono imbattuti in fake news sanitarie nel web, strumento sempre più utilizzato dai cittadini per ottenere informazioni su patologie e rimedi.

“È una campagna forte, che serve soprattutto a ricordare ai cittadini che la salute è un bene prezioso e che in giro circolano tante notizie, molte delle quali sono bufale, cioè non verificate scientificamente”, ha dichiarato il Presidente Fnomceo Filippo Anelli a margine della conferenza.

“Una campagna dura, ‘lapidaria’, un pugno nello stomaco”, ha proseguito Cosimo Nume, responsabile dell’Area strategica della Comunicazione Fnomceo. “Ce n’è bisogno perché nonostante l’impegno e le sollecitazioni contro le fake news in rete ancora oggi si continua a credere a notizie false”.

La campagna sulle fake news si integra perfettamente con l’attività innovativa portata avanti con il sito della Federazione “Dottore, ma è vero che…?”, che si propone di rispondere ai principali dubbi sulla salute dei cittadini, rinsaldando nel contempo il rapporto con il medico.

“I risultati fin qui ottenuti dal portale sono ottimi, si contano circa 1200 accessi al giorno, molti dei quali sono nuovi accessi”, ha spiegato Alessandro Conte, coordinatore del progetto. “La campagna contro le fake news ha avuto un ritorno positivo anche per “Dottore, ma è vero che…?”: in seguito al lancio si sono registrati circa 10 mila accessi”.

 

Guarda il video della conferenza stampa “Una bufala ci seppellirà?” e le interviste ai suoi protagonisti

Autore: Redazione

© 2017 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582