• Home
  • Articoli slide
  • Agevolazioni per sanità integrativa, FNOMCeO: riconvertire risorse per finanziare SSN

Agevolazioni per sanità integrativa, FNOMCeO: riconvertire risorse per finanziare SSN

Ammonterebbero a 4 miliardi di euro le agevolazioni fiscali per la sanità integrativa e il welfare aziendale, secondo le stime divulgate ieri dalla Fondazione GIMBE (Gruppo italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze). Intanto, l’articolo 14 contenuto nel Decreto Crescita e relativo agli Enti associativi assistenziali riconosce ai Fondi integrativi sanitari una natura non commerciale. E anche nel Patto della Salute si prevede di “incrementare l’erogazione di prestazioni integrative”, pur con clausole di salvaguardia.
Preoccupazione per la tenuta del Servizio Sanitario nazionale viene espressa dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO).
“Oggi, in un momento di crisi economica duratura, con un servizio sanitario definanziato, con carenze importanti di personale, non ci si può permettere di utilizzare risorse pubbliche per servizi che non siano realmente essenziali e anzi siano potenzialmente forieri di disuguaglianze tra la popolazione – ammonisce il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli –. Invitiamo il Governo ed il Parlamento a riesaminare la questione, valutando l’appropriatezza delle prestazioni erogate  e riconvertendo quelle risorse a favore del Servizio Sanitario Nazionale, adeguando i contratti di lavoro e aumentando il numero di medici e personale sanitario, la cui carenza oggi è la causa principale delle lunghe liste di attesa”.

Ufficio Stampa e Informazione FNOMCeO
informazione@fnomceo.it
www.fnomceo.it
26/06/2019

Autore: Ufficio Stampa FNOMCeO

© 2019 - FNOMCeO All Rights Reserved. Via Ferdinando di Savoia, 1 00196 ROMA CF: 02340010582